La Casa Natale di Giovanni Paolo II

Prezzi dei biglietti prenotazione biglietti prenotazione telefonica

Prenotazione biglietti

 

Ore di prenotazione:
9.00-13.00 da lunedì a venerdì
I biglietti possono essere prenotati non prima di tre mesi di anticipo

+48 33 823 35 65

 

+48 33 823 26 62

 

 

Pellegrinaggi

jp2 pielgrzymki 2Il Santo Padre Giovanni Paolo II è stato senza dubbio il più grande Papa pellegrino nella storia. Durante il suo pontificato, ha effettuato 104 pellegrinaggi internazionali, visitando 129 paesi di tutti i continenti. Inoltre, ha fatto più di 140 visite pastorali in Italia. Predicando il Cristo in tutto il mondo ha viaggiato per un totale di oltre 1,5 milioni di km.

Ha parlato ai milioni di persone, ha visitato i posti dove nessun Papa è mai stato in precedenza. Era famoso per la sua conoscenza di molte lingue, grazie alla quale aveva il migliore contatto con persone di diverse nazionalità.
Gli incontri con lui e
rano per i fedeli un grande evento di carattere quasi mistico; spesso li cambiavano internamente per tutta la vita futura.

Giovanni Paolo II ha visitato la sua patria 8 volte.

I PELLEGRINAGGI DI GIOVANNI PAOLO II IN POLONIA

I pellegrinaggio in Polonia: 2-10 giugno 1979

Il primo viaggio apostolico di Giovanni Paolo II in patria si e svolto sotto il tema „Gaude Mater Polonia”. Allora il Santo Padre ha pronunciato queste memorabili parole „Scenda il tuo Spirito! E rinnovi la faccia della terra. Di questa terra!”.
Queste parole hanno avuto un significato particolare per la società polacca, in cui si stava concretizzando l’idea di cambiare il sistema politico. Si dice che senza questo pellegrinaggio non sarebbe nata la “solidarietà” (“Solidarność”) e non sarebbe avvenuta la caduta successiva del sistema comunista. Durante questo pellegrinaggio, Giovanni Paolo II ha visitato per la prima volta come Papa, la sua città natale – Wadowice.

II pellegrinaggio in Polonia: 16-23 giugno 1983

Il viaggio sotto il nome „Polonia, Patria mia!”. Riferendosi al periodo della legge marziale, il Papa ha cercato di dare ai polacchi la fede e la speranza. Egli ha sostenuto che non si tratta di vittoria militare, ma di quella morale, il male deve essere combattuto con il bene, e “l’amore è più forte della morte”.

III pellegrinaggio in Polonia: 8-14 giugno 1987

Il suo motto: „Li amò sino alla fine”. Giovanni Paolo II ha difeso la dignità dei polacchi di fronte al governo di allora, sottolineando che ogni uomo ha la sua dignità personale, e merita d’essere trattato soggettivamente, ed i cittadini dovrebbero avere un impatto sul destino del loro paese.

IV pellegrinaggio in Polonia: 1-9 giugno e 13-20 agosto 1991

Il viaggio sotto il nome „Rendete grazie a Dio . . . Non spegnete lo Spirito”. Visitando la Polonia libera, il Santo Padre ha cercato di far capire ai suoi compatrioti, che la libertà in sé stessa non è tutto, che la vera libertà deve essere basata sulla verità e sui valori cristiani. Il Papa ha anche dedicato una grande attenzione al ruolo della Chiesa della nuova Repubblica di Polonia. Durante la seconda tappa del pellegrinaggio legata alla VI Giornata Mondiale della Gioventù tenutasi a Jasna Góra, il Santo Padre ha visitato per la seconda volta Wadowice.

La V visita in Polonia: il 22 maggio 1995

„Il tempo di prova per le coscienze dei polacchi continua” – Giovanni Paolo II ha pronunciato queste parole durante una visita di poche ore, organizzata in occasione del pellegrinaggio in Repubblica Ceca, a Skoczów, Bielsko-Biała ed a Żywiec, nella diocesi di Bielsko-Żywiec.Il Papa ha messo in guardia contro troppo ampia e di conseguenza sbagliata comprensione della tolleranza, che può di fatto farci diventare intolleranti verso le persone di fede.

VI pellegrinaggio in Polonia: 31 maggio – 10 giugno 1997

Il pellegrinaggio sotto il nome „Cristo ieri, oggi e sempre”. Il Papa ha fatto appello alla gerarchia ecclesiastica, per una maggiore apertura all’Europa, mettendo in evidenza il possibile contributo della Chiesa polacca nella vita spirituale del vecchio continente. Ha anche messo in guardia contro l’interpretazione della libertà come quella assoluta – un mondo privo di veri valori, in cui l’uomo diventa schiavo dei suoi istinti e dei suoi desideri.

VII pellegrinaggio in Polonia: 5-17 giugno 1999

Viaggiando sotto il nome „Dio è amore” Il Santo Padre ha visitato ben 21 paesi e ha beatificato 108 polacchi – martiri della Seconda Guerra Mondiale.
Sottolineò il ruolo della Chiesa nel cambiamento di regime in Polonia, e l’importanza dei valori etici in un sistema democratico. Sostenne fortemente l’idea dell’adesione della Polonia all’Unione Europea. Durante questo pellegrinaggio, il Papa visitò Wadowice per la terza volta, ed a proposito di questa città disse: “In ogni caso, in questa città, a Wadowice, è iniziato tutto. È iniziata la vita, è iniziata la scuola, sono iniziati gli studi, è iniziato il teatro, è iniziato il sacerdozio”

VIII pellegrinaggio in Polonia: 16-19 agosto 2002

Il mistero della Divina Misericordia costituisce il tema principale dell’ultimo pellegrinaggio del Santo Padre Giovanni Paolo II in Polonia. Durante questa visita Giovanni Paolo II ha presieduto il rito di Dedicazione della nuova chiesa dal titolo della Divina Misericordia a Kraków – Łagiewniki. Il papa ha visitato anche il santuario di Kalwaria Zebrzydowska.